Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè

Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè.

Lo diceva il buon Burt Lancaster, il Principe Don Fabrizio di Salina de Il Gattorpardo.
Pur non condividendo (non mangio pane a tavola e non bevo il caffè subito dopo i pasti), apprezzo il senso critico dal quale scaturisce tale dichiarazione, che rivela senza dubbio un’importante attenzione per i particolari.
Io un ristorante ‘lo giudico‘ dalle sedute e dalla collocazione dei servizi prima, dalla tovaglia e dal coltello dopo, dall’acqua e dall’olio poi. Sicuramente, azzardando un autoanalisi, tutto questo è frutto dall’intreccio che ne vien fuori se penso che sono architetto, nata sotto il segno della vergine e dipendente dal cibo.
Però pensateci: potete trovarvi a cena nel ristorante più In della città ma se state scomodi, se sentite lo sciacquone del wc ogni cinque minuti, se appena vi muovete rimanete intrappolati con le gambe, se non riuscite a tagliare con facilità la vostra bistecca e se invece di un dissetante bicchiere d’acqua vi ritrovate a deglutire un aspirina… beh, decisamente, non sarà questa la serata più bella della vostra vita. O forse sì.
Per quanto riguarda l’olio… beh, dovrete aspettare il mattino successivo.
E avete capito bene il perché. Credo.

Ritornando alla citazione (e chiudendo), credo che il caffè debba essere gustato -solo- al bancone di un bar. Riguardo al pane, come non essere d’accordo.
Se poi nel cestino vi arriveranno più tipi di pane, rigorosamente freschi e, perché no, tiepidi, riuscirete ad apprezzare anche quell’eco strana che arriva dall’angolo e il coltello da servizio che non taglia nemmeno la Vivin C ‘pronta all’uso’ che vi hanno appena versato nel bicchiere.
Garantito!

Pubblicato da Il panzariello

Elisa Panzariello, 34 anni. Interior designer, per non annoiarsi discute spesso con la grafica, la fotografia, la scrittura, la musica, la cucina. Le piace mordere il burro, andare al supermercato da sola, fare domande stupide, girarsi durante il film -al cinema- ed osservare le facce degli altri, guidare, leggere l'ultimo periodo di un libro -prima di iniziarlo a leggere-, bere la birra con la cannuccia, non avere mai al polso l'orologio ma chiedere spesso 'che ore sono?', il rumore del tappo del bagnoschiuma che cade sul pavimento, il caffè ma non il gelato al caffè. Non le piace l'arroganza, la smania del potere, l'ipocrisia, la bugia. Ha paura di se stessa e di tutte le sue fobie. Insomma, vive. Ma non troppo.

2 pensieri riguardo “Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: